Michela (Pescara) – Dipendente privato

DiDrDebito

Michela (Pescara) – Dipendente privato

Michela si è rivolta alla nostra società quando oramai sembrava tutto perduto, priva di speranze e oramai rassegnata ad un finale già scritto.
Michela, giovane madre di due figli, una dolorosa separazione alle spalle, si è rivolta a noi portando con sé un decreto ingiuntivo, per un vecchio mutuo contratto dall’ex marito e mai onorato. Michela, infatti, aveva incautamente firmato, come garante del mutuo contratto dell’ex marito, per l’acquisto dell’immobile, intestato unicamente a quest’ultimo.

Oggi viveva un incubo, madre lavoratrice, senza che le fosse mai stato versato un euro di alimenti, si vedeva chiamata a rispondere di un debito per €110.000.

Anni addietro, quando Michela venne a conoscenza del pignoramento avanzato dalla banca mutuante sull’immobile di proprietà dell’ex marito, si era subito rivolta ad un professionista di fiducia, per comprendere quali fossero le implicazioni a suo carico. Il professionista le aveva riferito che, una volta venduto all’asta l’immobile dell’ex marito, la Banca si sarebbe accontentata di quanto ricevuto lasciando indenne la garante.

Così ovviamente non fu! Una volta giunto il decreto ingiuntivo ed il conseguente atto di precetto, la signora si rivolse ad altri Studi, ma tutti le comunicarono che, a questo punto, non vi era possibilità alcuna di poter addivenire ad un accordo con la banca. Insomma, prima non vi era motivo di preoccupazione e immediatamente dopo era troppo tardi.

Michela, infatti, a parere di quest’ultimi, sarebbe dovuta restare inerme dinnanzi all’ imminente pignoramento immobiliare sulla casa regalatale dai genitori, insomma, avrebbe dovuto assistere ad una conclusione già scritta, senza poter far nulla, con il rischio che, giunti all’asta, la casa sarebbe andata venduta per poche migliaia di euro, e la banca non soddisfatta, avrebbe continuato a porre in essere azioni esecutive a suo carico.

Il nostro Team è composto da professionisti specializzati, vale la pena sottolineare che, affidandosi alle persone sbagliate, si rischia di peggiorare la propria situazione, rischiando di vivere una vita di debiti per sempre. Questo purtroppo è uno scenario catastrofico che si verifica più spesso di quanto si creda.

Nel caso di specie non tutto era perduto, anzi! E’ stata nostra cura, infatti, prendere immediati contatti con la banca procedente e dopo una lunga trattativa siamo giunti ad un accordo saldo stralcio per euro 38.500, con un risparmio netto di euro 71.500, “salvando” di fatto l’immobile di proprietà della cliente.

La conseguente sdebitazione e liberazione concessa dalla banca a seguito dell’adempimento, ha restituito alla cliente la serenità di poter progettare un futuro con i suoi figli.

Debiti per euro 110.000,
Transati a euro 38.500 – Riduzione del 61%

  •  Immobile regalato dai genitori salvato. Nessuna azione legale ricevuta.
  •  Debiti estinti definitivamente
  •  Serenità ritrovata

 

Oggi non ha più debiti!

 

 

NUMERO VERDE 800767801

Info sull'autore

DrDebito editor

Per pubblicare un commento, devi accedere